Assumere il giusto e costante quantitativo idrico durante la giornata è fondamentale per mantenere idratato il corpo. Ma quale temperatura deve avere l’acqua che beviamo? In genere, si consiglia acqua a temperatura ambiente, tiepida o perfino calda. Tuttavia, non bisogna demonizzare l’acqua fredda: infatti, in alcuni casi fa bene.

Quando il caldo imperversa, una delle abitudini è tracannare acqua ghiacciata. La sensazione è quella di rinfrescarsi. Ma, a ben vedere, l’acqua troppo fredda porta con sé dei rischi, specie dopo aver mangiato e si è, quindi, nel pieno della digestione.

Scopriamo, allora, quando è indicato sorseggiare dei bicchieri di acqua fredda e quando calda.

Acqua fredda: quando berla

donne sdraiate dopo allenamentoLe diverse temperature dell’acqua possono avere effetti ben precisi sull’organismo. Quindi, è importante conoscerli per ottenere notevoli benefici. Di solito, l’acqua a una temperatura inferiore di qualche grado rispetto a quella ambiente è consigliata per chi fa sport.

Infatti, durante il workout, la temperatura corporea interna si alza. Per ovviare e portare refrigerio, il corpo mette in atto la sudorazione, che fa eliminare elettroliti e liquidi preziosi da reintegrare. Alcuni studi scientifici hanno dimostrato che sorseggiare acqua fredda durante il training sportivo consente di:

  1. Ripristinare il quantitativo idrico perso
  2. Raffreddare la temperatura interna del corpo.

È bene però non berla velocemente, bensì a piccoli e lenti sorsi.

Anche con la febbre la temperatura del corpo s’innalza. Per abbassarla è consigliato talvolta sorseggiare lentamente acqua fredda. Ricordando che, in caso di influenza e di virus, l’idratazione è fondamentale per attivare il metabolismo, che lotta per scacciare il “nemico” dal corpo. Oltre a dare più energia all’organismo.

Controindicazioni e rischi di bere acqua fredda velocemente

Quando si avverte il senso di sete, si tende a ingurgitare acqua così velocemente da dimenticare quanto questo gesto possa avere delle ripercussioni negative. Per questo, occorre prevenire la sete, bevendo sin dalla mattina presto a digiuno e per tutto il resto della giornata.

È, quindi, anche il modo in cui si beve che fa la differenza.

A pranzo o quando si è troppo sudati, bere in modo repentino acqua fredda potrebbe causare una congestione. C’è, infatti, il rischio di creare un eccessivo shock termico all’interno dello stomaco. Il che incide sulla digestione con sintomi ricorrenti quali dolori, crampi addominali.

Inoltre, ci sono degli alimenti che, una volta entrati a contatto con l’acqua fredda, aumentano. Che succede, quindi? Questo effetto contribuisce a provocare un’espansione del volume dello stomaco che può gonfiarsi e causare forti fastidi.

In genere non è consigliato bere acqua fredda quando si soffre di:

  • Sensibilità ai denti
  • Gengiviti
  • Emicranie e mal di testa cronico
  • Patologie cardiache
  • Disidratazione

Quali sono, invece, i benefici di idratarsi con l’acqua calda?

Acqua calda migliora depurazione e digestione

fette di limone e bicchiere di acquaSolo il pensiero di bere acqua calda o tiepida d’estate fa sobbalzare. Eppure, ha con sé dei benefici importanti per quanto riguarda la depurazione dell’organismo dalle scorie. Infatti, un bicchiere di acqua calda e limone la mattina riattiva il metabolismo e contribuisce a eliminare le tossine accumulate durante la notte.

Già dal mattino, l’acqua a temperatura più calda rispetto a quella esterna dà un incredibile sprint alla digestione e a ripristinare il transito intestinale.

Di solito, i medici consigliano di berla anche quando si soffre di mal di testa, nevralgie, crampi dovuti al ciclo e dolori muscolari. Il liquido caldo, infatti, aiuta il sangue ad arrivare più velocemente ai tessuti, alleviando i sintomi.

Come visto, in base alle situazioni si può scegliere la temperatura dell’acqua per ricavarne dei vantaggi. Sempre, però, da sorseggiare lentamente. Così come fondamentale resta il suggerimento di bere costantemente, specie con l’afa, per non incappare nei sintomi della disidratazione. Bere acqua durante l’estate, infatti, è necessario per garantire al corpo una sana idratazione e tutte le funzionalità interne.

L’oligominerale Fontenoce, acqua pura e leggera, favorisce la diuresi e ti aiuta a idratarti bene, con gusto. Grazie alle sue proprietà organolettiche, Fontenoce è la tua alleata in tutte le stagioni della tua vita, regalandoti i benefici di un corpo in salute e in bellezza.

Tutti i segreti per mantenersi belli e in forma in una bottiglia di acqua Fontenoce sempre a portata di mano. Perché le sane abitudini partono dal bere in maniera corretta e sana.