Il the alla pesca è un passe-partout per ogni stagione dell’anno. Certo, con l’arrivo dell’estate e le giornate torride che porta con sé, sorseggiare questa bevanda nella versione fredda è un’alternativa sana per dissetarsi e idratarsi.

Prepararlo in casa è davvero semplice: pochi passaggi e potrai gustare questo healthy drink con gli amici o mentre sei in pausa, restando in forma.

È, infatti, una bevanda salutare, poiché miscela i benefici delle pesche con quelli del the nero. Inoltre, a differenza dei tè industriali e commerciali, berrai una deliziosa bibita home made senza:

  • Conservanti
  • Aromi artificiali
  • Zuccheri aggiunti

Ma quale acqua scegliere per un ottimo tè alla pesca? E come si prepara? Scopriamolo insieme.

The alla pesca fatto in casa: quale acqua scegliere

bicchiere con bevandaPreparare il the prevede passaggi che in Oriente, e non solo, segnano rituali importanti, affascinanti e pregni di significato. L’attenzione è rivolta verso gli utensili e le materie prime usate, come le foglie di tè e l’acqua.

Per i cultori di questa arte, ci sono delle regole ben precise da seguire per poter gustare una tazza di the che vada oltre la semplice bevanda. Leggi decodificate che spaziano da famiglie e da generazioni in generazioni, con ricette che sanciscono un patto tra passato e presente.

Per molti estimatori, fare in casa il the vuol dire anche prestare attenzione all’acqua da usare. In genere, si preferisce un’acqua oligominerale, con basso residuo fisso e pH neutro. Un’acqua, quindi, che esalti le caratteristiche delle foglioline del the scelto.

Ecco alcuni dei fattori da considerare per preparare un the eccellente:

  1. Temperatura dell’acqua (varia in base al tipo di the usato)
  2. Tempi di infusione (può dipendere anche dal gusto personale)
  3. Dosi (ci sono in merito diverse scuole di pensiero)

Al di là dei rituali, quel che è importante è, come sempre, scegliere ingredienti di qualità.

Proprietà delle pesche, amiche dell’intestino

pesche nell'acquaNella ricetta che vogliamo proporti ci sono le pesche e il the nero. Due ingredienti che regalano tanti benefici per la salute e che ben si associano all’idea dell’estate e della vacanza. La pesca, infatti, è ricca di:

  • Sali minerali, come fosforo, magnesio, manganese e potassio
  • Vitamine (gruppo A, C, E)
  • Acqua
  • Carotenoidi
  • Antociani
  • Fibre
  • Antiossidanti

Questo frutto succoso aiuta la digestione e favorisce la diuresi. Inoltre, per il quantitativo di acqua e di fibre contenuto all’interno, le pesche sono alleate contro la stitichezza e utili per il transito intestinale.

Anche il the nero – le sue foglie sono sottoposte a ossidazione completa – ha molteplici proprietà per il benessere di corpo e mente. Infatti, sorseggiandolo si fa il carico di antiossidanti, importanti per contrastare i radicali liberi e prevenire l’invecchiamento cellulare. Fa bene alla salute dei denti, al cuore e aiuta mantenere stabile la glicemia, prevendo l’insorgenza del diabete.

Come fare il the freddo alla pesca, ricetta

Per preparare questa bevanda rinfrescante e dissetante, occorrono poco tempo e semplici ma ottimi ingredienti.

Ingredienti

  • 500 ml di acqua oligominerale Fontenoce
  • 4 pesche biologiche
  • 50 g di zucchero
  • 2 bustine di the nero

Procedimento

  1. Taglia le pesche lasciando la buccia. Prendi una pentola capiente e versa la frutta a pezzi, lo zucchero e 400 ml di oligominerale Fontenoce, acqua pura e leggera. Metti a bollire fin quando le pesche non rilasciano il succo.
  2. In un pentolino versa la restante acqua e porta a bollore. Trasferisci in un contenitore l’acqua calma e immergi le bustine di the nero. Lascia in infusione per circa 10 minuti.
  3. Aggiungi al the, lo sciroppo di pesche ottenuto. Lascia in infusione per circa mezz’ora.
  4. Prendi un colino e filtra il composto. Quando è freddo, mettilo in frigo per almeno due ore.

Sorseggia questa bevanda per un momento di relax o come aperitivo. Puoi aggiungere foglioline di menta. Le pesche cotte, le puoi frullare o mangiare con del succo di limone.

L’acqua oligominerale Fontenoce ha basso residuo fisso e pH di 7.67, che la rende molto vicina al grado di neutralità. Quindi, è ottima per la preparazione del tè e delle bevande salutari da sorseggiare per star meglio con te stessa.

Tutti i segreti per mantenersi belli e in forma in una bottiglia di acqua Fontenoce sempre a portata di mano. Perché le sane abitudini partono dal bere in maniera corretta e sana.