fbpx

Hai mai sentito parlare delle piante amiche del fegato? Sono dei veri toccasana per stimolare la depurazione e il corretto funzionamento di questa ghiandola, la più grande del nostro corpo. Parliamo del carciofo, tarassaco, cardio mariano, fumaria e altre ancora che puoi usare per preparare a casa la tua tisana depurativa. Grazie alle loro proprietà drenanti e purificanti, infatti, aiutano a eliminare le tossine e a depurare il fegato dalle scorie. Così funziona meglio tutto l’organismo.

La tisana per il fegato è, quindi, un ottimo rimedio per un periodo detox (per te c’è una ricetta semplice ed efficace). Scopriamo in questo articolo di acqua Fontenoce come prevenire le più comuni patologie epatiche con le cure naturali.

Quali sono le patologie del fegato, dalla cirrosi all’epatite

Il fegato è tra gli organi più importanti del corpo umano. Svolge circa 200 funzioni, tanto da essere definito il più grosso “laboratorio chimico” del nostro organismo. Questa ghiandola, infatti, è fondamentale per diversi processi vitali poiché ad esempio:

  • interviene nel metabolismo dei farmaci e in quello di carboidrati, lipidi, proteine;
  • è deposito di “emergenza” per il glucosio, la vitamina B12, il ferro e rame;
  • ripulisce il nostro corpo dalle tossine e dagli alimenti nocivi del sangue.

Quando il fegato non funziona bene, ne risente quindi tutto il nostro organismo. Ma quali sono le patologie più comuni a carico di questa ghiandola? Vediamole insieme:

  • Epatite è un’infiammazione provocata da virus, intossicazioni e anche da malattie autoimmuni.
  • Steatosi epatica si tratta di accumulo di grasso – tanto da essere conosciuta come “Fegato grasso” – che può degenerare in cirrosi. Il diabete e l’alcolismo ne favoriscono l’insorgenza.
  • Cirrosi epatica è una malattia cronica e degenerativa del fegato. La maggior parte dei casi è provocata dall’alcolismo.

Cure naturali per il fegato, come disintossicarlo

tisana disintossicanteAlimentazione sregolata, stress, diabete, colesterolo e obesità possono rallentare il perfetto ingranaggio del fegato, facilitando così la comparsa di patologie epatiche. Un periodo disintossicante può, quindi, aiutarci per far ripartire nel modo corretto tutte le sue funzionalità.

Le cure naturali per il fegato prevedono l’uso di erbe da assumere con tisane disintossicanti fatte in casa, infusi e decotti. Conoscerai le piante amiche del fegato, ma quali sono le loro proprietà? Scopriamole insieme:

  • Carciofo è il principale protettore del fegato. Contiene, infatti, la cinarina, un principio amaro che combatte i disturbi di origine epatica.
  • Tarassaco fa parte delle erbe amare. Antinfiammatorio e disintossicante, è usato per stimolare la depurazione del fegato e il suo corretto funzionamento.
  • Cardio mariano è ricco soprattutto di silimarina che ripristina le funzioni epatiche e accelera il metabolismo.
  • Fumaria, utile per il benessere del fegato e dei dotti biliari, aiuta l’intestino a eliminare le sostanze nocive.

Tisane depurative per il fegato: tisana al carciofo

tisana depurativa carciofoPreparare la tisana al carciofo è veloce. Un rimedio naturale per disintossicare il fegato specie dopo grandi abbuffate, periodi di stress anche nei cambi di stagioni.

Ecco la ricetta della tisana depurativa per il fegato che potrai tranquillamente far a casa. Iniziamo!

  • Laviamo le foglie esterne di un carciofo (6-8 foglie).
  • Mettiamole in un pentolino con dell’acqua oligominerale Fontenoce (200 ml, il quantitativo di una tazza). Povera di minerali, l’acqua Fontenoce, dal gusto eccezionale, esalterà le proprietà disintossicanti e diuretiche del carciofo.
  • Facciamo cuocere il tutto con il coperchio per circa 8-10 minuti.
  • Spegniamo il fuoco. Teniamo coperto l’infuso di acqua e carciofo per circa 10-15 minuti per una dose efficace di principi attivi.
  • Filtriamo le foglie di carciofo bollite e bere. È consigliato non dolcificare la tisana, ma possiamo aggiungere, a piacere, del miele.

Si può bere questa tisana per depurare il fegato 2 volte al dì, mattina e sera, per almeno 14 giorni. Meglio se lontano da pasti.

Consiglio: se vuoi il sapore meno amaro, puoi aggiungere in cottura dei semi di finocchio; zenzero; limone.

Per non appesantire il fegato ricorda di fare una corretta alimentazione, povera di cibi grassi e fritti. Meglio mangiare alimenti ricchi di fibre, specie frutta e verdura. Limita il consumo di alcol. Fai sport. Sai, anche l’idratazione è importante per depurare il fegato ed eliminare le tossine: pertanto, bevi 2 litri al giorno di acqua oligominerale Fontenoce.

Tutti i segreti per mantenersi belli e in forma in una bottiglia di acqua Fontenoce sempre a portata di mano. Perché le sane abitudini partono dal bere in maniera corretta e sana.

acqua fontenoce formato tradizionale bottiglia 2 litriacqua fontenoce linea tradizionale per i supermercati

Scopri dove acquistare acqua Fontenoce!