FONTENOCE PER L’INFANZIA

LA RICERCA FARMACOLOGICA:
Impiego dell’acqua naturale oligominerale FONTENOCE nell’alimentazione del neonato e del lattante

Prof Ignazio Barberi,  Professore Ordinario Pediatria e Neonatologia Università degli studi di Messina
Direttore U.O.C. di Patologia e Terapia Intensiva Neonatale,  AOU “G. Martino” – Messina

Ignazio_barberi“Il fabbisogno idrico del neonato è essenzialmente soddisfatto dall’assunzione del latte. Può capitare tuttavia che l’allattamento al seno non sia possibile o sufficiente, oppure semplicemente, che la madre non desideri allattare: in tal caso è necessaria la somministrazione di latti formulati. In tal caso, è altrettanto importante scegliere un’acqua con  caratteristiche idonee per la ricostituzione del latte.

Tali caratteristiche possono essere così riassunte:
– Assenza di pollutanti: a questo riguardo le normative nazionali ed internazionali pongono limiti ben precisi [6] ;
Basso livello di mineralizzazione, in particolare riguardo al contenuto in Sodio, per non aumentare il carico renale dei  soluti delle formule lattee, in considerazione anche della ridotta funzionalità renale dei lattanti e per non aumentare il rischio di insorgenza di ipertensione [2];
Basso contenuto di nitrati , il cui limite per le acque da impiegarsi nei lattanti è significativamente ridotto rispetto a quello per l’acqua potabile (10 mg/l contro 50 mg/l) [3].

Va quindi sottolineato come, per un corretto impiego in ambito pediatrico, un’acqua debba rispondere a requisiti molto più severi rispetto a quelli richiesti per gli adulti, riguardanti in particolare il grado di mineralizzazione,il contenuto di nitrati e la presenza di contaminanti sia batteriologici che chimici. […]

CONCLUSIONI

L’impiego di un’acqua minerale nell’alimentazione infantile comporta indiscussi e comprovati vantaggi di ordine igienico-sanitario nei confronti dell’impiego dell’acqua potabile, sia per la composizione costante riportata in etichetta e periodicamente controllata, sia per la raccolta ed il confezionamento secondo norme igieniche tali da garantire una perfetta sterilizzazione e la conservazione dei requisiti chimici e fisici…

…Alla luce delle considerazioni effettuate su quanto studiato, si può affermare che l‘acqua oligominerale  “Fontenoce” risponde a quei requisiti scientifici e igienico normativi, ampiamente documentati in letteratura, che la rendono pienamente indicata nella dieta del neonato, del lattante e nel bambino.” […]


Potrebbe interessarti anche:

 

 

BOTTIGLIA IN VETRO DA 1L PER NEONATI


Riferimenti normativi
[2] Valori Residuo Fisso, e Sodio – Fonte: D.L. 176 del 08/10/2011
[3] Valori Nitrati – Fonte: D.M.S.  29/12/2003
[4] Valori Fluoruri- Fonte: D.M.S.  11/09/2003
[5] Valori Arsenico- Fonte: D.M.  29/12/2003, direttiva ue 2033/40 ec, direttiva epa (usa) valori guida dell’O.M.S.
[6]  Valori limite microbiologia – Fonte: d.m.s. 542 del 12/11/1992
[7] Pacchetto igiene (Reg. CE 178/02- reg. ce 852/04 – reg. ce 853/04 – reg. ce 2073/05)
 Bibliografia
[8] IMPIEGO DELL’ACQUA NATURALE OLIGOMINERALE “FONTENOCE” NELL’ALIMENTAZIONE  DEL NEONATO E DEL LATTANTE  (25/11/2013)
Prof. Ignazio Barberi   Professore Ordinario di Pediatria e Neonatologia  – Università degli Studi di Messina – Direttore U.O.C. di Patologia e Terapia Intensiva Neonatale, AOU “G. Martino”, Messina

Richiedi il documento completo della ricerca [8] > scrivi a info@fontenoce.it

Commenti chiusi